Tapioca

tapioca_a.jpgLa tapioca è una fecola derivata dal tubero della manioca o cassava, una pianta originaria dell’America del Sud.

La tapioca si può usare come la farina dei cereali.

Si presenta sotto forma di piccole sferette dal colore bianco.

Una volta cotte, le sfere diventano trasparenti, assumendo una consistenza gelatinosa.

Spesso concorre alla creazione di farine precotte per l’alimentazione dei bambini in fase di svezzamento.

 

Ottima nella preparazione di piatti dolci o salati.

 

Biscotti al burro di arachidi (U.S.A Peanuts Butter Cookies)

Biscotti al burro di arachidi (U.S.A Peanuts Butter Cookies), biscotti friabili, biscotti al burro, INGREDIENTI:

 

– 175 gr di burro a temperatura ambiente

– 200 gr di zucchero di canna

– 1 uovo grande

– 185 gr di burro di arachidi

– 260 gr di farina 00

– 1/2 cucchiaino di lievito in polvere per dolci

– Q.B. gocce di cioccolato

– un grosso generoso pizzico di sale

– Q.B. noccioline tritate grossolanamente

 

 

PROCEDIMENTO

 

Preriscaldate il forno a 180°.

 

Lavorate il burro con lo zucchero fino ad ottenere un composto omogeneo.

 

Aggiungete il burro di arachidi, l’uovo e continuate a mescolare.

 

In un’altra ciotola mescolate tutti i vostri ingredienti secchi: la farina, il lievito ed il sale.

 

Aggiungete questi ultimi al primo composto e fate amalgamare bene tutti gli ingredienti, per ultimo aggiungete le gocce di cioccolato, in base ai vostri gusti ( io ho messo 3 cucchiai) e le noccioline (io non le ho messe).

 

Se il composto dovesse risultare troppo morbido, fatelo riposare in frigorifero per un oretta.

 

Ricoprite di carta da forno una placca.

 

Formate delle palline del diametro di circa 2 cm, schiacciatele con una forchetta creando il tipico disegno, lasciate tra i biscotti un po’ di spazio.

 

Infornate e togliete quando i biscotti inizieranno a dorare: occorreranno dai 5 ai 10 minuti circa.

 

Fate raffreddare i biscotti su una gratella e riponete in scatole di metallo per la conservazione!

 

Con questa ricetta salutiamo il freddo e diamo in benevenuto al caldo, sconsiglio infatti di mangiare questi biscotti nella bella stagione…da quì in poi solo dolci leggeri e freschi…bè, diciamo freschi, per il “leggeri” ci lavorerò su!

Il burro di arachidi lo so, non è cibo per tutti, ma per pochi intenditori 😉 questa ricetta è per voi! Un’unica accortezza: badate bene che poi non potrete più farne a meno!

Taralli salentini glassati (Lecce) di Ro’

taralli salentini glassati, taralli, glassa, biscotti, dolci pasquali, pasqua, salentoINGREDIENTI:

– 500 gr di farina “00”

– 100 ml di olio evo

– 100 gr di zucchero di canna (va benissimo anche quello classico)

– 1 pizzico di sale

per la glassa

– 500 gr di zucchero semolato

– 125 ml di acqua

 

PREPARAZIONE:

 

In una ciotola sbattete le uova con lo zucchero ed il pizzico di sale.

Aggiungete poco per volta farina ed olio (continuando a sbattere) fin quando il composto avrà una certa consistenza da poterlo trasferire sul piano di lavoro e finirlo ad impastare con le mani (aggiungendo un po’ di farina se necessario).

Quando l’impasto sarà morbido, liscio ed omogeneo, avvolgetelo con la pellicola e lasciatelo riposare per 30 minuti.

 

taralli salentini glassati, taralli, glassa, biscotti, dolci pasquali, pasqua, salentoTrascorso il tempo, prendete piccole quantità d’impasto per volta e dategli la classica forma del tarallo: fate dei serpentelli dello spessore di 1 cm circa,10 di lunghezza e chiudeteli (le dimensioni, alla fine, siete voi a deciderle, attenti però a non farli troppo spessi).

 

 

 

taralli salentini glassati, taralli, glassa, biscotti, dolci pasquali, pasqua, salentoMettete a bollire, in una pentola capiente, dell’acqua.

Raggiunto il bollore, versate pochi taralli alla volta, facendo attenzione che non si attacchino tra loro o sul fondo.

Tirateli fuori, con una schiumarola, appena salgono a galla.

 

 

 

 

taralli salentini glassati, taralli, glassa, biscotti, dolci pasquali, pasqua, salentoLasciateli ad asciugare su dei canovacci puliti 5-6 ore ( il tempo varierà a seconda della stagione) girandoli almeno una volta.

Infornate a 180° per 30 minuti circa: fino a quando saranno dorati.

 

 

 

 

taralli salentini glassati, taralli, glassa, biscotti, dolci pasquali, pasqua, salentoPER LA GLASSA:

Versate in un pentolino i 125 ml di acqua e i 500 gr di zucchero.

Mettete su fuoco medio, mescolate bene e portate a bollore.

Spegnete il fuoco quando lo sciroppo diventerà trasparente e filerà tra le dita.

Immergete il pentolino per metà, in una ciotola contenente acqua e ghiaccio.

Quando lo sciroppo si sarà intiepidito, montatelo con una frusta elettrica fin quando non diventerà bianco come nella foto, e diventerà glassa; tenderà a solidificarsi velocemente quindi per rallentare il processo potete tenere il contenitore a bagnomaria o come ho fatto io: di tanto in tanto, nel microonde per 1 minuto.

A questo punto la potrete utilizzare per spennellare la superficie dei vostri taralli, potrete inoltre aggiungere zuccherini colorati etc… in base alla vostra fantasia, nella ricetta originale chiaramente non ci sono 😉 .

 

Come potete vedere dalle foto i nostri taralli hanno tutti una grandezza diversa, il bello del “fatto in casa” ma non vi preoccupate perchè una volta cotti e glassati saranno bellissimi, ci siamo dimenticate di fare la foto ai taralli appena sfornati, ma vi assicuro la superficie si levigherà e gonfieranno un pochino, arricchiti poi dalla glassa e zuccherini saranno stupendi e, la loro diversità sarà solo un pregio! Mi raccomando, quando chiudete i taralli di fare attenzione, premete bene l’impasto, come avrete sempre visto dalle foto, altrimenti si aprono 😛                                                                                                                                   Dolce tipico Salentino, i taralli si preparano nei giorni di festa, soprattutto a Pasqua, troverete tante ricette, ognuno ha la sua! Questa è la nostra! Si possono fare dolci o salati, ai semi di finocchio, piccanti, semplici al vino bianco…., a casa nostra, i taralli riscuotono sempre un successone! A presto con la ricetta dei taralli al vino…gnam!

 

 

Liquore al cioccolato

liquore al cioccolato, cioccolatoIn attesa del sole…

 

INGREDIENTI:

200 ml  alcool 95 gradi
– 500 gr di cioccolato fondente
– 600 gr zucchero
– 1 l latte intero

 

 PROCEDIMENTO

Fate sciogliere il cioccolato a bagno maria, aggiungete lo zucchero, il latte facendo attenzione a non formare grumi, portate a bollore e poi spegnete.

Quando il preparato sarà ben freddo, aggiungete l’alcool, mescolate bene ed imbottigliate! Si può bere da subito, ma noi consigliamo di aspettare un paio di giorni.

Conservatelo in luogo fresco e buio per max 6 mesi.

 

Questo è uno dei miei liquori preferiti: cremoso, dolce ma non troppo e alcolico al punto giusto…ottimo per affrontare il freddo, se volete lo potete provare anche caldo (tipo punch) basteranno pochi secondi nel microonde 🙂 ottimo!!! oppure in un pentolino…

 

Biscotti alla banana … per cani!

 

biscotti alla banana per cani, biscotti per cani, biscotti banana, banana, biscotti, caniINGREDIENTI:

( per 2 teglie: circa 60 biscottini piccoli)

 

– 1 banana matura

– 250 gr di farina di riso

– 2 uova

–  farina per il piano di lavoro

 

 

 

 

PROCEDIMENTO:

 

Preriscaldare il forno a 180°.

Frullate o schiacciate la banana fino ad ottenere una purea morbida.

Mescolate la banana con l’uovo, aggiungete la farina fino ad ottenere un impasto elastico.

 

 

biscotti alla banana per cani, biscotti per cani, biscotti banana, banana, biscotti, caniStendete la pasta su un piano di lavoro infarinato, con le formine tagliate i biscottini a forma di osso.

 

 

 

 

 

biscotti alla banana per cani, biscotti per cani, biscotti banana, banana, biscotti, caniDisponeteli in una placca ricoperta da carta da forno e cuocete per 30 minuti circa.

 

 

 

 

 

 

biscotti alla banana per cani, biscotti per cani, biscotti banana, banana, biscotti, caniLa banana è un anti-infiammatorio, efficace soprattutto nel tratto gastrointestinale, idonea quindi a combattere la dissenteria. Troppe banane possono tuttavia causare costipazione.

 

 

 

 

 

Ricordate:

 

 

I biscottini non devono sostituire il pasto principale.

Assicuratevi che il vostro cane non mangi troppi biscottini, la quantità varierà in base alla taglia del cane, dallo stile di vita e dall’età del cane.

L’aspetto dell’animale vi dirà subito se tollera il cibo e i biscottini.

Un pelo lucido, una bella pelle senza forfora, un odore piacevole, le feci solide e non in quantità eccessive sono segno che il cibo e i biscotti sono ben tollerati.

 

Fate attenzione alla conservazione dei biscotti.

Io li conservo in una scatola di latta o in un sacchetto di cartone per circa 2 settimane.

Se trovate muffa, buttate subito tutto, anche se i segni non sono ancora ben visibili.

 

Eccoci finalmente! Non vedevo l’ora di inaugurare questa nuova rubrica, dedicata ai nostri amici a 4 zampe: i nostri amici più sinceri! Ormai sarà chiaro a chi legge il mio blog che io non ami le cose: precotte, confezionate, industriali, ricche di coloranti, etc…tutta roba dalle etichette poco chiare e ingannevoli! Sapori artefatti e per nulla naturali.

Adoro invece il fai da te, il bio e tutto ciò che viene prodotto da piccole aziende che amano il loro lavoro e che guadagnano senza mettere a rischio la salute del consumatore.

Purtroppo la “marca” non è sinonimo di sicurezza del prodotto, anzi!

Pertanto, se una cosa mi piace ma la sostanza è dubbia, si parte con il fai da te!

La mia cagnolina, a causa di una brutta gastroenterite avuta da cucciola, ha uno stomaco molto delicato e devo fare molta attenzione alle marche dei prodotti che le compro…molti sicurmente eccellenti ma anche molto costosi! Dalla mia dolce metà mi è stato regalato un meraviglioso cofanetto contenente un sacco di schede di ricette per cani e non vedevo l’ora di poterle condividerle con voi.

Questi biscotti in particolare sono molto amati dalla mia cucciolona, che mangia volentieri la banana anche al naturale…

 

Maiale in agrodolce “CINA”

maiale in agrodolce, maiale, peperoni, ananas, agrodolce, secondo piatto, carneINGREDIENTI:

 

– 1 porro

– 1 peperone rosso

– 2 fette di ananas

– 300 gr di carne magra di maiale

– 6 cucchiai di aceto di mele

– 2 cucchiai di ketchup

– 1 cucchiaio di salsa worcester

– 2 cucchiai di salsa di soia

– 3 cucchiai di zucchero di canna

– farina, sale ed olio di semi tutto q.b.

 

 

PROCEDIMENTO:

 

Tagliate a bocconcini la carne ed infarinatela.

 

Lavate e mondate il peperone e tagliate anch’esso a tocchetti, fate lo stesso con l’anans (l’ananas potrà essere fresco o anche conservato).

 

In una wok fate scaldare un filo di olio di semi, aggiungete il porro, che avrete precedentemente tritato, e la carne.

 

Fate rosolare la carne e aggiungete il peperone, l’ananas ed infine la salsa preparata mescolando insieme l’aceto, la salsa di soia e worcester, lo zucchero ed il ketchup.

 

Fate cuocere il tutto a fuoco moderato, se la salsa vi sembrerà troppo densa aggiungete un goccio di acqua e mescolate, dopo circa 30 minuti sarà pronto.

 

Servite caldo!!!

Se preferite potete sostituire la carne di maiale con quella di pollo o tacchino, lo zucchero in questa ricetta per i miei gusti è perfetto, ma se vi piace un tono più dolce nella salsa, arrivate a 4 cucchiai; io la preferisco più agro 😛 !

Biscotti al cioccolato e pistacchi

Biscotti di cioccolato e pistacchiINGREDIENTI:

– 175 gr di cioccolato fondente

– 200 gr di farina “00”

– 1 cucchiaino e 1/2 di lievito in polvere per dolci

– 75 gr di zucchero semolato

– 50 gr di farina di mais tipo fioretto

– 2 uova leggermente sbattute

– 75 gr di pistacchi non salati

– 1/2 bicchiere di olio di semi di girasole

– zucchero a velo per decorare

 

 

PROCEDIMENTO:

 

Preriscaldate il forno a 160°, poi stendete un foglio di carta da forno sopra una placca.

Fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria o al microonde.

Setacciate le farine ed il lievito in una terrina; aggiungete lo zucchero, le uova e i pistacchi.

 

Aggiungete anche il cioccolato fuso e l’olio; mescolate il tutto con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto morbido.

 

Dividetelo in due parti e, dopo aver leggermente infarinato le mani, formate due salsicciotti.

 

Deponeteli sulla placca, alla giusta distanza tra loro, in modo che non si attacchino durante la cottura; quindi premete fino ad ottenere uno spessore di circa 2cm. Infornate e lasciate cuocere per 30 minuti circa.

 

Biscotti di cioccolato e pistacchiSfornate e lasciate raffreddar: sono pronti se li preferite più morbidi, altrimenti infornateli nuovamente dopo averli tagliati a tranci obliqui per circa 10 minuti, se li preferite più croccanti (tipo cantucci).

Fate raffreddare e spolverate con lo zucchero a velo!!!

 

Ottimi per ogni occasione, spero piacciano anche a voi! Gnam!

Pasta e ceci

pasta e ceci, pasta, ceci, primo piatto, pasta in biancoINGREDIENTI:

per 2 persone

 

– 200 gr di pasta tipo pipe rigate

– 100 gr di speck

– 1 carota piccola

– 1 costa di sedano

– 1 pezzettino di cipolla

– 1 spicchio di aglio in camicia

– 100 gr di ceci lessi

– 2 cucchiai di parmigiano grattugiato

– pepe nero q.b

– sale q.b.

– olio evo q.b.

– 1 bicchiere di vino bianco

 

PROCEDIMENTO:

 

Portate a bollore abbondante acqua salata, nel frattempo fate dorare il soffritto fatto con carota, cipolla e sedano. Aggiungete l’aglio in camicia e lo speck tagliato a listarelle, sfumate con il vino bianco, aggiungete i ceci lessati precedentemente ed un filo d’acqua; aggiustate di sale.

Fate cuocere a fuoco basso fino al completo assorbimento del liquido.

Una volta cotta la pasta scolatela e fatela saltare nella pentola del sugo, mantecate con il parmigiano e una grattata di pepe nero!!!

 

Pizza bianca alle cipolle

pizza bianca cipolla, pizza, pizza alla cipollaINGREDIENTI:

 

X 7 pizze al piatto

 

– 500 ml di acqua a temperatura ambiente

 

– 150 ml di olio di semi di girasole

 

– 150 ml di latte a temperatura ambiente

 

– 25 gr di lievito di birra fresco

 

– 2 cucchiai di sale fino

 

– 1,5 kg circa di farina “00”

 

per farcire:

 

– 1 bicchiere di latte

– 3 cipolle

– olio evo

– 1 rametto di rosmarino fresco

– sale q.b.

 

 

PROCEDIMENTO:

 

 

Sciogliere il lievito nel latte.

 

Mettere in una terrina: l’acqua, il latte contenente il lievito, l’olio ed il sale.

Aggiungere piano piano la farina e mescolare bene, quando l’impasto inizierà ad avere una consistenza semisolida, disporlo su di un piano infarinato ed impastare aggiungendo farina se necessario, fino ad ottenere un composto elastico e morbido, che non si attacchi alle mani.

Lavorare bene la pasta per almeno 30 minuti ( più lo lavorerete migliore sarà il risultato).

Sbattere l’impasto energicamente sul piano di lavoro: in questo modo distenderete il glutine, creando così un impasto morbido e poroso.

L’impasto dovrà lievitare in un luogo a temperatura costante e privo di correnti d’aria, ad esempio: nel forno spento di casa, in un mobile oppure coperto da un canovaccio e messo (come facevano le nostre nonne) sotto le coperte nel letto! La pasta lievitata è viva ed ha bisogno di amore e calore per crescere bene!!!

La durata della lievitazione dovrà essere di almeno 5/6 ore con una temperatura che si dovrà aggirare intorno ai 20°C. Se sarà troppo freddo/caldo bloccherete la lievitazione. Se la pasta lieviterà per meno tempo, questo non le permetterà di eliminare totalmente il sapore del lievito, con conseguente acidità e pesantezza allo stomaco.

A lievitazione avvenuta, disporre nelle teglie l’impasto, cercando di maneggiarlo il meno possibile e preferibilmente facendo uso esclusivamente delle vostre mani.

Spennelare il fondo della pizza con dell’olio di oliva e condite.

 

Tagliate a fette sottili le cipolle.

Mettete in una ciotola le cipolle con il latte a riposare per circa 1h: in questo modo avranno un sapore più delicato. Dopo averle fatte riposare scolatele e conditele con olio evo, rosmarino e sale. Farcite le pizze con questo preparato. Non stendete la pasta troppo sottile, in questa ricetta deve rimanere spessa almeno 2 cm per essere consumata nel modo migliore, cioè accompagnata o farcita da salumi misti. Gnam!

 

 

 

 

 

 

Pappardelle al ragù

pappardelle al ragù, ragù di carne, ragù, ragù rosso, tagliatelle, primo piattoINGREDIENTI:

x 6 persone

 

– 1,5 lt di passata di pomodoro rustica

– 300 gr di carne macinata magra di bovino

– q.b. trito misto di cipolla, carote, sedato

– q.b. sale

– q.b. olio evo

– parmigiano grattugiato

– 600 gr di pappardelle fresche, per la ricetta clicca quì

 

PROCEDIMENTO:

 

In una pentola antiaderente dorate il trito misto, aggiungete la carne e fatela rosolare.

Versateci dentro la passata, aggiustate di sale e fate cuocere a fuoco basso per circa 2h.

 

Lessate la pasta in abbondante acqua salata, scolate al dente e condite con abbondante sugo, servite il tutto spolverato da parmigiano!!!

 

Meraviglioso piatto domenicale, veloce da preparare e di effetto!!! Gnam