“Vomitina”: panna da cucina fatta in casa

panna pupù.jpgHo trovato questa ricetta come tante altre: sfogliando un giornale, consultando altri blog, consigliata da amici, fantasia personale, rivisitazioni di altre ricette etc etc, un po’ come tutti ….questa in particolare in un blog, entro e leggo:”panna da cucina fatta in casa”! Mi dico wow!!! fantastico! Inizio a leggere e mi sembra fin troppo facile, leggo i commenti ed erano tutti entusiasti, ricetta facile, veloce e buona, mi sono detta: la devo provare! Se verrà bene, i miei amici del blog avranno un’altra ricetta stupenda da gustare!!! Il mio palato godrà e quindi ho iniziato…

 

 

INGREDIENTI:

 

 

– 100 ml di latte intero o parzialmente scremato

– 200 ml di olio di semi di girasole

– sale q.b.

 

 

PROCEDIMENTO

 

 

Versare in un contenitore il latte, l’olio ed un pizzico di sale, frullate tutto con il minipimer e nel giro di poco ecco la panna da cucina… (assomigliava molto ad una ricetta che ho per la maionese vegan, che ancora non ho pubblicato perchè ci sto lavorando sopra: voglio sia ottima e, per ora, è discreta).

 

Però vado avanti, ho molto da imparare ancora! L’aspetto era meraviglioso, la consistenza era giusta, sembrava fosse un sogno…quindi, non resisto e … ci affondo un dito dentro per deliziarmi il palato!

 

Risultato? VIA DIRETTA VERSO IL CESTINO DELLA SPAZZATURA E DI CORSA IN BAGNO A SCIACQUARE LA BOCCA!!! 

 

Poi ho dovuto persino mangiare qualcosa perchè quel sapore non ne voleva sapere proprio di andar via! Mi ha fatto subito pensare all’odore di un insettino poco gradito che in questi periodi adora nascondersi tra i panni stesi… e la cosa non mi è piaciuta proprio!!!

 

Passata l’arrabbiatura per aver sprecato tanti buoni ingredienti mi son detta: via tutto! ricetta persa, tempo perso, tutto perso!

 

Invece NO!!! Tutto serve per imparare e quindi sono felice di condividere con voi questo insegnamento!!!

 

Ecco perchè tanti blog hanno mille ricette più una e tutte favolose!! Pensavo dovessi temere solo di alcuni giornali di cucina ed invece il sabotaggio è dietro l’angolo! Quindi volevo commentare e chieder spiegazioni e …sorpresa! A quanto pare alla proprietaria del blog i miei pensieri non sono piaciuti! Vabbè! Dicono che questa ricetta sia scritta anche sul ricettario del bimby…mha! 

 

Entriamo nel dettaglio della questione: la panna da cucina non si può fare in casa partendo dal latte, a meno che non possediate un macchinario che ve lo permetta: si tratta di una centrifuga che separa la parte grassa del latte da esso.

 

Un altro modo per ottenere la panna, o crema di latte, è il cosidetto metodo per affioramento: si tratta di lasciare a riposo il latte appena munto, dalle 24 alle 36 ore. La parte grassa del latte, essendo più leggera, andrà in superficie e, con delicatezza ed attrezzatura adatta, potrà essere prelevata.

 

Pertanto, se volete provare a fare la panna da cucina, potete farlo trasformando la panna fresca (o crema di latte).  Non so le proporzioni ma … proverò e vi farò sapere solo per il gusto di mettere un punto a questa storia perchè, arrivati a queste conclusioni, l’impresa non vale la spesa e conviene fare come abbiamo sempre fatto: COMPRARLA!

 

Con la ricetta sopra indicata non facciamo altro che una maionese di latte, dal gusto poco gradevole e dalle calorie indicibili! Non che la panna sia dietetica ma quì si parlano di cifre innominabili! Con tutto il rispetto per le persone a cui piace, per favore, non chiamiamola però panna da cucina, ma diamo ad ogni cosa il suo giusto nome!