CORNETTI SALATI

cornetti salati, cornetti, croissant, INGREDIENTI:

X 6 CORNETTI

 

– 250 gr di farina “00”

– 125 gr di latte a temperatura ambiente

– 60 gr di burro

– 20 gr di zucchero semolato

– 8 gr di lievito di birra

– 2 tuorli

– 1 uovo intero

– sale q.b.

 

PREPARAZIONE

 

Impastate (possibilmente nell’impastatrice) la farina con il latte, il lievito, 40gr di burro, lo zucchero, i tuorli, ed un pizzico di sale; fate lievitare la pasta, coperta, fino al suo raddoppio, quindi stendetela in un rettangolo di cm 30X40.

Pennellatelo con il resto del burro (gr 20) e tagliatelo in 6 triangoli isosceli e arrotolateli su se stessi, iniziando dal lato lungo, per ottenere i cornetti. Deponeteli su una placca coperta da carta da forno, pennellateli d’uovo, poi lasciateli lievitare per 60 minuti prima di infornarli a 180° per 25′ circa. Servite i cornetti farciti a piacere con salumi, formaggi o con crema alla nocciola, marmellata etc…

SPAGHETTI ALLA CARBONARA di Ro’

spaghetti alla carbonara,spaghetti,carbonara,primi piatti,ricetta,speckINGREDIENTI

X 2 PERSONE

 

– 200 gr spaghetti

– 50 gr speck

– 2 tuorli

– 2 cucchiai di panna da cucina

– 1/2 bicchiere di latte vaccino

– 2 cucchiai di parmigiano grattugiato

– 1 pizzico di pepe

– 1 pizzico di sale

– olio q.b

 

PROCEDIMENTO

Mettete a bollire l’acqua per la pasta.

Tagliate lo speck a striscioline e fatelo rosolare in una pentola con un filo d’olio caldo.

Nel frattempo preparate il condimento mescolando i due tuorli con la panna, il latte, il parmigiano, pepe e sale.

Quando la pasta sarà cotta saltatela in pentola, a fuoco basso, con lo speck.

Mantecate, sempre a fuoco basso, per alcuni secondi con il condimento preparato.

La vostra carbonara è pronta da servire! Buon appetito!

Proprietà peperoni rossi

peperoni.jpgSaporiti, salutari e troppo spesso consumati cotti, ne andrebbe rivalutato il consumo crudo. Infatti tagliati sottili o a pezzettini, sono un ottimo compagno di insalate estive. Quelli rossi sono croccanti, spessi, zuccherini e sono ottimi al forno. I gialli sono succosi e teneri, ideali crudi in insalate. I verdi sono meno saporiti, ottimi per la cottura. Se si vogliono arrostire è meglio sceglierli grossi e carnosi; quelli tondeggianti per essere farciti.

I vegetali rossi, riducono il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari e tumorali.

Proteggono i vasi sanguigni e migliorano la memoria.

I peperoni rossi inoltre, sono indicati nelle diete ipocaloriche, infatti contengono pochissime calorie, 31kcal ogni 100gr.

Sono ricchi di acqua, vitamine e sali minerali.

In maggioranza troviamo la vitamina A, beta carotene e vitamina C.

 

Rigatoni ai peperoni rossi

rigatoni ai peperoni rossi, pasta ai peperoni, pasta peperoni e panna, peperoni, primi piattiINGREDIENTI

X 2 PERSONE

– 2 peperoni rossi di media grandezza

– 2 cucchiai di panna da cucina

– 1/2 bicchiere di latte

– 1 spicchio di aglio in camicia

– olio extravergine di oliva

– sale q.b.

– 200 gr di rigatoni

– parmigiano grattuggiato q.b.

 

PREPARAZIONE

Preriscaldate il forno a 200°.

Lavate i peperoni e privateli del torsolo e dei semi, diponeteli su una placca ricoperta di carta forno ed infornateli per circa 30/40 minuti o fino a quando saranno ben rosolati e la pelle inizierà a scurirsi e gonfiarsi.

Fateli intiepidire e poi privateli della pelle.

Frullateli e metteteli da parte.

Mettete a bollire l’acqua per la  pasta.

In una pentola scaldate l’olio insieme allo spicchio d’aglio, versate la crema di peperoni, salate e fate cuocere per pochi minuti.

Togliete l’aglio, aggiungere la panna ed il latte.

A cottura, verserete la pasta nella pentola del sugo e la mantecherete con parmigiano grattuggiato.

Servire calda!

Torta Génoise

torta gènoise,torta genoise,pan di spagna, base torta, torta da congelare, dolci senza lievitoINGREDIENTI

PER 6/8 PERSONE

 

– 4 Uova

– 140 gr di zucchero

– 140 gr di farina

– sale

– burro e farina per lo stampo

 

PREPARAZIONE

 

Sguasciate in una ciotola le uova a temperatura ambiente, aggiungete un pizzico di sale e lo zucchero.

Sbatteteli con le fruste elettriche finchè il composto sarà gonfio e biancastro.

Trasferite il composto in una casseruola, ponetela in una seconda casseruola con acqua a bollore e sbattete ancora per 5 minuti, poi incorporatevi il burri fuso e intiepidito mescolando con il cucchiaio di legno.

Trasferite il composto in una ciotola pulita e aggiungete la farina, versandola a pioggia attraverso lo spargifarina.

Mescolate con un movimento continuo e regolare, dal basso verso l’alto, finchè tutta la farina è incorporata.

Versate l’impasto al centro di uno stampo a cerniera imburrato e infarinato.

Essendo fluido, l’impasto si distribuirà facilmente sul fondo.

Cuocere in forno a 180° per 40′

 

La Génoise è molto simile al pan di spagna, per questo può esser utilizzata come base per torte da farcire. Buona in purezza accompagnata da una tazza di latte e caffè o thè, deliziosa arricchita di crema gianduia o al limone. La Génoise, una volta cotta, può essere conservata fino a 3 mesi,nel congelatore,dovrete soltanto proteggerla con pellicola per alimenti.

MERINGHE ALLA FRANCESE

meringhe alla francese, meringhe, spumoni, dolci, biscotti, INGREDIENTI:

– 2 albumi

– 170 gr di zucchero semolato

PREPARAZIONE

Sbattete gli albumi con lo zucchero, tenendo la ciotola a bagnomaria fino a quando vi accorgerete che lo zucchero si è completamente sciolto.

Togliete dal ciotola dal bagnomaria e continuate a montare la meringa per almeno 5 minuti o fino a quando sarà diventata molto soda e lucida.

Trasferite il composto in una tasca da pasticceria e distribuitelo a ciuffetti su una placca coperta con un foglio di carta da forno.

Cuocete le meringhe in forno ventilato a 80° per 2 or2, tenendo lo sportello aperto un paio di centimetri.

Lasciatele raffreddare prima di staccarle dalla carta.

 

Conservate le meringhe in una scatola di latta ben chiusa. In questo modo le vostre meringhe alla francese dureranno anche 10 giorni.

Consigli utili

Se in casa non avete una sacca da pasticceria fate come me: prendete un sacchettoda congelatore, riempitelo ed annodatelo poi tagliatene un angolino nella parte inferiore.

Gli albumi dovranno essere a temperatura ambiente, altrimenti non monteranno nel modo giusto.

Un altro passaggio importante per la buona riuscita delle meringhe è la fase in cui i bianchi d’uovo vengono separati dai tuorli: anche solo una minima traccia di tuorlo negli albumi impedisce a questi ultimi di montare a neve ben ferma. E’ inoltre importante controllare che non vi siano tracce di grasso sugli attrezzi destinati a preparare le meringhe: devono essere ben puliti e asciutti.

Per realizzare le meringhe potete utilizzare lo zucchero semolato, che andrà aggiunto agli albumi in una sola volta, o lo zucchero a velo, che dovrà essere aggiunto in due fasi.

Se al composto base delle meringhe volete aggiungere qualche altro ingrediente, come cacao, cannella, mandorle, ecc… dovrete farlo alla fine della preparazione, incorporando gli ingredienti delicatamente e mescolando dal basso verso l’alto.

Bignè al gorgonzola e mascarpone

bignè gorgonzola e mascarponeINGREDIENTI:

X 6 PERSONE

 

– 100 gr circa di bignè già pronti

– 200 gr di mascarpone

– 200 gr di gorgonzola dolce

– 1 pera

– 6 gherigli di noce

 

PREPARAZIONE

 

Eliminate la crosta dal gorgonzola con un coltello. Trasferite il gorgonzola in una ciotola e lavoratelo con una forchetta fino a renderlo cremoso, aggiungete il mascarpone e mescolate bene per ottenere una crema omogenea.

Tagliate la calotta superiore dei bignè con un coltello con la lama liscia.

Riempiteli con la crema ai formaggi preparata, aiutandovi con un cucchiaino.

Ricomponete i bignè.

Trasferite i bignè su un piatto da portata, sovrapponendoli, riponeteli in frigo fino al momento di portarli in tavola.

Aprite e spezzettate le noci grossolanamente, pulite e tagliate a bastoncini la pera.

Serviteli freddi, accompagnati da noci e bastoncini di pera

TOFU ALLA PIASTRA IN SALSA

tofu alla piastra, tofu, piastra, tofu alla piastra in salsaINGREDIENTI

X 2 PERSONE

 

– 2 panetti di tofu naturale vegetale (150gr l’uno)

– 1 cucchiaino di aromi misti per arrosto

– 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva

– sale q.b.

 

PER LA SALSA

 

– 1/2 busta di panna da cucina vegetale

– 2 cucchiaini di salsa worchester

– 1/2 limone spremuto

– 2 cucchiaini di olio d’oliva o di semi

– 1 pizzico di sale

 

PREPARAZIONE

 

Tagliate il tofu a fettine, fatelo marinare con il trito di erbe miste, un pizzico di polvere d’aglio, olio e sale per circa 30′.

Cuocere il tofu alla piastra o in una bistecchiera per 5-6 minuti a fuoco moderato.

Impiattare e servire subito accompagnato da questa ottima salsa così preparata:

in una terrina mescolare la panna, il succo di limone, la salsa worchester, l’olio d’oliva e il sale.

E’ una ricetta molto semplice e dal sapore delicato

Proprietà del tofu

tofu.jpgIl tofu è un alimento che deriva dal latte di soia cagliato. A livello nutrizionale il tofu è soprattutto ricco di proteine, di vitamine e di minerali: calcio, ferro e quantità relativamente elevate di altri minerali ad azione antiossidante, come il manganese, il rame e il selenio.
Originario dell’Oriente e ottenuto (quasi per caso) attorno al 200 a.C., il tofu è considerato dagli abitanti di quella zona come un alimento molto versatile, similmente a come noi consideriamo le patate.
A differenza di alimenti proteici di origine animale, contiene pochissime calorie (80-100 Kcal per 100 gr) e i grassi saturi sono assenti. Molti studi hanno dimostrato che il suo elevato contenuto in sostanze antiossidanti è utile alla prevenzione di molti tipi di tumore.

Il tofu in cucina
Come anche il seitan * per il tofu bisogna essere pronti a sperimentare, va preparato, accostato ad altri alimenti, servito con creatività esattamente come faremmo con un altro ingrediente di base.
Il tofu può essere fritto, al forno, usato nelle minestre, nei panini e nei toast; ma anche nella preparazione dei dolci: dando spazio alla fantasia si riuscirà sicuramente a creare qualcosa di nuovo e sempre unico.

Dove si compra?
Il tofu si trova in qualsiasi punto vendita specializzato in alimenti biologici, ma sono sempre più diffusi anche sugli scaffali dei tradizionali supermercati e ipermercati.

*seitan:

è un alimento d’origine vegetale molto usato nella cucina vegetariana in alternativa alla carne per realizzare piatti nutrienti e gustosi. Un ingrediente versatile dall’elevato contenuto proteico ottenuto dalla lavorazione della farina di grano, che si integra bene nell’alimentazione soprattutto vegetariana, totalmente privo di colesterolo e di grassi e adatto a tutte le diete. Spesso sentiamo parlare di Seitan e di glutine, e forse è meglio spendere qualche parola in più per fare chiarezza.
Come altre farine di cereali anche la farina di grano tenero o frumento contiene due componenti fondamentali, l’amido e il glutine, che è la parte proteica del grano, in percentuale circa del 15%. Il procedimento di separazione dell’amido dal glutine impastando la farina con acqua e lavando poi l’impasto in acqua corrente permette di estrarre il glutine dalla farina, ottenendo una specie di gomma giallina ed elastica quasi inutilizzabile allo stadio iniziale. Con la successiva bollitura in acqua insieme alla salsa di soia (tamari o shoyu), il sale marino, le alghe e altri aromi, si ottiene il Seitan vero e proprio, pronto per essere cucinato in molti modi.

 

Proprietà dell’avocado

avocado.jpgLa principale caratteristica nutrizionale di questo frutto è la sua ricchezza di grassi, specialmente insaturi ed Omega – 3.

Il contenuto di grassi dipende però dal tipo di avocado, e varia dal 10% al 30%.
L’elemento più rilevante per la salute di chi include l’avocado nella sua alimentazione è l’apporto di acido grasso linolenico e Omega – 3, grassi “buoni” in quanto capaci di stimolare la produzione di colesterolo buono (HDL) e frenare il deposito di quello cattivo (LDL).
Con questa proprietà dell’avocado si può diminuire il colesterolo nel sangue (ipercolesterolemia), si può prevenire l’arteriosclerosi e le patologie causate dall’ostruzione del cuore e delle arterie, aggiungendo allo stesso tempo colore e sapore alla nostra alimentazione.
Ma gli effetti positivi non sono solo per il cuore: l’avocado è anche ricco di fitonutrienti, elementi antiossidanti che aiutano a liberare la cellula dai radicali liberi.

L’Università dello stato dell’Ohio, in USA, ha dimostrato inoltre che l’avocado è in grado di prevenire la formazione di tumori della bocca.
Un altro aspetto positivo a favore dell’avocado è il suo ricco contenuto di Vitamina A: 14 mg di vitamina A per 100 grammi di parte commestibile (7 volte più dell’ananas). È inoltre ricco di vitamina E,ed entrambe le vitamine sono forti antiossidanti, che aiutano specialmente contro l’invecchiamento della pelle e la sua elasticità.
Altri antiossidanti potenti presenti in questo frutto sono il glutatione e la luteina.

Altre virtù dell’avocado

•Aiuta a prevenire il morbo di Alzheimer
•Aiuta a migliorare la depressione
•Si utilizza nella terapia nutrizionale del paziente con sclerosi multipla
•Grazie al suo contenuto in Vitamina D, aiuta l’assorbimento di calcio e fosforo, aiutando ad avere ossa e denti più sani e resistenti contro osteoporosi e artrosi
•Aiuta a diminuire il prurito nelle dermatiti ed altre patologie dermatologiche o allergie della pelle, ha poteri antinfiammatori.

Uno degli ultimi vantaggi riscontrati nell’avocado è la capacità di rallentare l’assorbimento del glucosio a
livello intestinale, e quindi di regolazione dei livelli di glicemia, ottimo per i diabetici.

Insomma un ottimo alleato per la nostra salute! Oltre che essere molto buono fa anche bene! Il suo unico difetto è il quantitativo di calorie, ma basterà fare un po’ di attività fisica e non avremo nessun rimorso di coscenza! 😛